VI edizione del “Premio Angelo Fiore”

Lo scorso 30 maggio il Museo delle Marionette di Palermo ha ospitato la VI edizione del Premio Angelo Fiore, per un seminario di studi sulla figura e l’opera dello scrittore palermitano.

Il pomeriggio si è aperto con i saluti del Presidente onorario del Centro Studi, Dott.ssa Emma De Giacomo, e con la comunicazione della premiazione del progetto di ricerca, da parte del Comitato Scientifico del Centro Studi, della Dott.ssa Miriam Rita Policardo.

La Dott.ssa Policardo, dopo avere brevemente presentato il suo progetto, intitolato “Tra inerzia e possessione: una diavoleide siciliana“, ha ricevuto il premio, da parte del Sig. Giuseppe Pagano, Presidente del Centro Studi, una preziosa scultura in bronzo del maestro Michele Cossyro.

È seguita una tavola rotonda, coordinata dalla Prof.ssa Mimì Perrone, Professore ordinario di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università di Palermo, che ha visto gli interventi di Salvatore Ferlita, Prof. di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università Kore di Enna, Marcello Benfante, Docente e scrittore, e Maurizio Padovano, docente e scrittore.

L’opera letteraria di Angelo Fiore è stata compulsata e analizzata a partire dalla presentazione dello studio di Daniele Giustolisi (L’officina del vivere. Attraverso il diario di Angelo Fiore), vincitore della IV edizione del premio “A. Fiore” e recentemente pubblicato a cura del Centro Studi.

I relatori intervenuti hanno discusso in vario modo – ripercorrendo le categorie critico-interpretative già consolidate ma cercando contemporaneamente nuove chiavi di lettura – degli elementi ricorrenti nel temario dello scrittore palermitano, e della loro irriducibilità a un qualsiasi paradigma regionalistico o generazionale. Di Fiore è stata ribadita, in vari modi, la cifra differenziale rispetto alle correnti letterarie nazionali coeve (dagli anni ’50 agli anni ’70 del secolo scorso); e sono stati invece messi in luce i legami sotterranei, al momento non ancora del tutto documentati, ma dalle chiare rilucenze testuali con la letteratura mitteleuropea della prima metà del ‘900, con il grande romanzo russo ottocentesco, con i primi postmoderni americani. Ne è uscito fuori il profilo di un autore che, pur manifestando sempre distanza e distacco dal rapporto con le avanguardie, ha praticato e inteso la propria scrittura romanzesca come esercizio di pressione sulla forma-romanzo. Un autore che è riuscito a intercettare e sciogliere in originali moduli narrativi (ma densi di speculazione quasi filosofica) temi fondamentali dell’immaginario letterario, e non solo, del secolo scorso – come quello del lavoro (esperimento coatto di massa e apocalisse) e delle complesse relazioni di gerarchie, dipendenza e sudditanza che esso genera – e a darne originalissima declinazione attraverso una miscela raggelante di grottesco e black humor che fa pensare ai suoi contemporanei postmoderni americani.

Alla discussione hanno partecipato, con domande specifiche ai relatori e con interventi personali, gli studenti del corso di Lettere e di italianistica dell’Università di Palermo.

 

VI^ Edizione del “Premio Angelo Fiore”

COMUNICATO

La Giuria, nominata  dal Centro Studi, ha ritenuto meritevole del “Premio Angelo Fiore” il progetto di ricerca: “Tra inerzia e possessione: una diavoleide siciliana”, presentato dalla dott.ssa Miriam Rita Policardo.

La premiazione avverrà il 30 maggio c.a. alle ore 17,00, presso la sede del Museo delle marionette di Palermo in occasione di un apposito seminario di studi.

Inoltre, verrà presentato il saggio “L’officina del vivere – Attraverso il diario di Angelo Fiore” di Daniele Giustolisi, vincitore della scorsa IV edizione del premio.

Scarica il comunicato

Il Presidente del Cons. Direttivo

Giuseppe Pagano

Omaggio al poeta Lucio Zinna

Il prossimo venerdì 9 marzo (ore 17,30, presso la Sala Basile di Villa Filangeri, Santa Flavia), il “Centro studi Angelo Fiore” organizza un convengo per omaggiare il poeta e saggista Lucio Zinna (Mazara del Vallo, 1938) nel suo ottantesimo genetliaco. Zinna, che da dieci anni vive a Bagheria, è stato uomo di scuola (docente prima, Dirigente Scolastico poi) e continua ad essere intellettuale complesso e completo. Ha scritto per innumerevoli e importanti riviste, di alcune delle quali è stato anche condirettore e direttore; si è dedicato alla narrativa; ha tracciato un lungo percorso poetico personale nel quale l’originalità espressiva si è nutrita di attenzione costante, e raffinatissima, al piano semantico, sintattico e figurale della scrittura poetica: disegnando una parabola che dall’iniziale confidenza con l’avanguardia dei primi anni ’60 lo ha sempre più condotto verso una dimensione più trattenuta e gnomica che concentra in sé, distillato, il meglio del ‘900 italiano.

La sua produzione critica si distingue per una attenzione costante non soltanto ai filoni aurei della cultura e della letteratura siciliana del ‘900 (Sciascia, Fiore) ma anche a tante voci meno note e che pure insieme a quelle dei grandi maestri, costituiscono il tessuto connettivo di un’isola impareggiabile, come amava dire Natale Tedesco.

Venerdì prossimo, a celebrarlo, interverranno Elio Giunta (amico di sempre e sodale in tante avventure intellettuali: due su tutte, l’iniziativa, nel 1998, Dieci poeti per dieci canti della Divina Commedia, nella Basilica della Magione di Palermo e, nel 1999, Poesia come meditazione ) Tommaso Romano e Biagio Balistreri.

Preghiera per i liberatori

Liberaci o Signore
dalla prepotenza di coloro
che hanno sempre qualcuno
da liberare.
Liberaci da questa loro
anomala schiavitù.
[…] Lascia o Signore
che trovi ciascuno
il necessario impulso
ad ogni liberazione.
Che ciascuno possa liberarsi
(da solo o in compagnia)
liberamente.

(Da: La porcellana più fine, 2002)

Maurizio Padovano

Scarica la locandina

La curiosità del mondo

La curiosità del mondo.

La coesione di una comunità, il suo talento nel condividere e tramandare la propria memoria, si misura – tra le altre cose – sulla capacità di rendere omaggio alle persone che, con la loro vita, il loro esempio, il loro impegno, mai si sono sottratti all’amore per la città e la sua gente.

Così il 13 ottobre prossimo il Centro Studi Angelo Fiore ricorderà il Professor Natale Tedesco – già Presidente del Comitato Scientifico del Centro – a un anno esatto dalla scomparsa, nell’ambito della manifestazione “Territorio e memoria: percorsi letterari”. La piccola kermesse, intitolata La curiosità del mondo (Santa Flavia, ore 17,30, presso la Sala Basile di Villa Filangeri) è stata immaginata e organizzata come ideale dialogo, amichevole chiacchierata, passionale e sentimentale disputa con allievi, amici, scrittori che hanno avuto consuetudine con il Professore Emerito di Letteratura Italiana dell’Università palermitana(ricordiamo, tra gli altri, i suoi saggi fondamentali su De Roberto, Sereni, il Crepuscolarismo, Svevo). A ricordare, e dialogare, con il critico militante, con il conoscitore d’arte ed esperto di pittura contemporanea, con l’appassionato cultore di cinema ci saranno Marcello Benfante, Salvatore Ferlita, Donatella La Monaca, Claudia Carmina, Tommaso Romano e Maurizio Padovano. In maniera diversa, e personale, tutti gli intervenuti tratteggeranno il proprio ricordo di Natale Tedesco; forse racconteranno il loro particolare rapporto di amicizia e di solidarietà culturale: tutti loro, sicuramente, non mancheranno di farlo sotto forma di dialogo, qui e adesso, con un personaggio che, in qualche modo, non ha ancora smesso di parlare con la sua città, i suoi amici, i suoi cari.

Il Centro Studi Angelo Fiore

Scarica la locandina

Ricordo di Padovano e Benfante

Per Natale Tedesco, maestro e amico

Lo scorso 13 ottobre è mancato, dopo una lunga malattia che non ne aveva fiaccato però l’animo, il Professore Natale Tedesco, Professore Emerito di Letteratura Italiana all’Università di Palermo nonché, tra le altre cose, Presidente del Consiglio Scientifico del Centro Studi Angelo Fiore.

I suoi meriti scientifici e culturali sono enormi, ma non inferiori a quelli umani e relazionali. Ha dischiuso, a diverse generazioni di studenti e studiosi siciliani, prospettive laiche e innovative su tanti autori – alcuni negletti e da lui riscoperti e rivalutati – e contesti culturali. Intellettuale plurale e coraggioso, non ha disdegnato mai (ma è stata un tatto pertinente della sua generazione) l’impegno pubblico e politico, lontano come era da un’idea di separatezza della cultura letteraria e artistica dal resto del mondo. Ha scritto di lui il suo e nostro amico Franco Lo Piparo che: ” Quella di Natale è stata una vita densa di affetti, di cultura, di relazioni umane. Sapeva essere autorevole e amicale, amava parlare di sé, dei suoi libri, delle sue analisi storiche e letterarie, era un seducente affabulatore delle sue avventure umane. Un seduttore di anime”. Insomma a Natale Tedesco non apparteneva La condizione crepuscolare, nonostante nessuno come lui abbia contribuito a farcela comprendere. Gli appartenevano, invece, la curiosità per la vita, la passione per l’arte e la letteratura, l’amore per l’amicizia: per l’essere, saper essere, amico. Per questo, anche chi non è stato suo allievo o suo amico, lo ricorda “ attento e competente ma anche curioso e pungente. Non di rado divertente. Soprattutto privo di ogni forma di vanità, ascoltare gli interventi di tutti e a tutti rispondere, con puntualità e rispetto”. La sintesi migliore del suo profondo umanesimo rimane forse la sua giovanile vena poetica, recuperata e impreziosita negli ultimi anni con la raccolta In Viaggio (2011) della quale il nostro Marcello Benfante ha scritto: “un percorso dell’uomo e del letterato che si dipana come un gomitolo di memorie e si iscrive nel corpo che “scivola nel declivio”. Ma il viaggio avviene nello spazio come nel tempo, e tocca vari luoghi, emblematiche stazioni di un io che permane e muta”. Nella dedica che appose alla mia copia di quel volume Natale Tedesco ebbe a scrivere perché la curiosità del mondo (e della letteratura) ci porti sempre con sè“. Esser curiosi della vita, fino alla fine, è segno che la vita, in tutte le sue manifestazioni, la amiamo senza condizioni. E la letteratura, nostra enorme comune passione, dinanzi alla sacralità e alla pluralità della vita può pure rimanere tra parentesi, sebbene senza di essa, come mi ha insegnato – come ci ha insegnato – sarebbe molto più difficile afferrare l’ampio spettro del mondo.

2 novembre 2016
Maurizio Padovano

Nella discreta insistenza degli anni tra lento e alacre mi porto la curiosità del mondo”.
Natale Tedesco

 

Professore emerito di Letteratura italiana all’Università di Palermo, è morto all’età di 85 anni dopo una malattia.

Allievo di Salvatore Battaglia, si era dedicato in prevalenza al Novecento. Uno dei suoi testi critici più famosi, “La condizione crepuscolare”, pubblicata nel 1970, ha avuto tre edizioni

De Roberto, Svevo, Montale e Sereni

direttore Artistico della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella che, insieme allo scomparso Presidente Bent Parodi 

grande italianista, raffinato critico d’arte, acuto analista della cultura siciliana, poeta, uomo dalle robuste passioni civili./ Quella di Natale è stata una vita densa di affetti, di cultura, di relazioni umane. Sapeva essere autorevole e amicale, amava parlare di sé, dei suoi libri, delle sue analisi storiche e letterarie, era un seducente affabulatore delle sue avventure umane. seduttore di anime

M.Benfante “.

 mi  scrisse nella dedica al suo volume di poesie intitolato In viaggio (2011): “perché la curiosità del mondo (e della letteratura) ci porti sempre con sè“. Esser curiosi della vita, fino alla fine, è segno che la vita, in tutte le sue manifestazioni, la amiamo senza condizioni. E la letteratura, nostra enorme comune passione, dinanzi alla sacralità e alla pluralità della vita può pure rimanere tra parentesi, sebbene senza di essa, come mi ha insegnato, ci sarebbe molto più difficile afferrare l’ampio spettro del mondo.

Nella discreta insistenza degli anni / tra lento e alacre mi porto/ la curiosità del mondo”.

IV Edizione del Premio Angelo Fiore

COMUNICATO

La Giuria, nominata dal Centro, ha ritenuto meritevole del “Prem io Angelo Fiore” il progetto presentato dal dott. Daniele Giustolisi, residente a Catania, al quale verrà assegnata la borsa di studio per la ricerca sullo scrittore palermitano.

A breve, saranno resi noti data e luogo del Seminario di studi nel cui contesto avverrà la premiazione e la presentazione del volume Temi forma dellscrittura di AngeloFiore” di Melina Mele, vincitrice della scorsa III edizione.

Scarica il comunicato in PDF

Il Presidente del Consiglio Scientifico
Prof.  Natale Tedesco           
Il Presidente del Consiglio Direttivo
Dott.ssa  Emma de Giacomo